Quando Eros Poli domò il Mont Ventoux

Lungo le vette del Monte Calvo, Poli si regala un’impresa indimenticabile.

I grandi poeti di tradizione classica, da Esiodo ad Apollodoro, da Omero a Pindaro ci raccontano in decine di poemi l’assalto dei Giganti al Monte Olimpo. Figli della madre Terra e in cerca di vendetta per la caduta dei fratelli Titani, tentarono la più grande delle imprese in una battaglia secolare, prima di essere ricacciati a forza nell’Averno dalle schiere divine sotto il comando di Zeus.

La nostra gigantomachia (o ciclomachia, detto meglio) è certo ben più modesta, va detto, eppure nella grande epopea dei pedali c’è un monte su tutti, già caro al Petrarca per restare in tema letterario, il cui solo nome evoca spettri mitologici: il Ventoux, il Monte Calvo, mito e paura di Francia. La grande ascesa che sfiancò il grande Luison Bobet dopo che lo ebbe domato. La cima brulla sottovalutata da Kübler e che lo mandò in rovina facendolo ritirare dal Tour. Merckx e la sua maschera d’ossigeno dopo l’arrivo vittorioso. E su tutti il giorno di tragedia di Tommy Simpson, zizzagante in diretta tv, soccorso dalla folla e poi accucciato ai bordi di quella bianca carraia; il grande campione inglese, liquidato superficialmente come prima vittima del doping, moriva a causa di molteplici fattori fra i sassi lunari di una montagna spietata.

Sono passati quasi trent’anni dalla tragedia del grande inglese, il Ventoux è lì, che ancora attende impassibile i corridori e le loro carrozze di ferro. C’è un uomo adesso in fuga e sul passo macina chilometri, due metri di stazza, un gigante davvero. Gregario potente, uno che è abituato al gruppetto, come tutti in gergo chiamano il drappello di velocisti e comprimari che si staccano in salita, uno che sovente si trova appunto nella rete, la sacca che contiene i dannati che stantuffano indietro al momento di scalare le montagne; Eros non è uno che guadagna in salita, per l’appunto è uno che perde minuti: paradossalmente questo saper centellinare i secondi in ogni tappone per non finire fuori tempo massimo, sarà la sua salvezza e da lì nascerà il suo lucido piano di gloria. Ai piedi del monte avevo calcolato di poter perdere un minuto e quindici a chilometro.” Saranno proprio questi calcoli certosini a sostenerlo nel giorno della sua grande impresa. Ma andiamo con ordine.

E’ il diciotto luglio 1994, il giorno dopo la tragedia nazionale che ha visto la sconfitta degli azzurri nella finale mondiale di calcio. Poco sentimento dunque nel Belpaese per il paesaggio accecante dell’undicesima tappa del Tour. Eppure i corridori vanno, duecentotrenta chilometri prima dell’arrivo a Carpentras.

Dopo qualche decina di miglia, dicevamo, Eros Poli esce dal gruppo. Una classica evasione da comprimario, l’attaccante di giornata i cui sforzi – lo credono tutti – andranno ad appassire nella terribile ascesa. Il vantaggio cresce, cinque, dieci, quindici minuti. Poli è un passistone, medaglia d’oro a squadre a Los Angeles 1984; eppure non preoccupa nessuno. Si pensa a Indurain e ai probabili attacchi di Virenque e agli scatti di una stella appena esplosa nel firmamento dei campioni: Marco Pantani.

Eppure ai piedi del monte leggendario, Eros ha accumulato venticinque minuti (!). Sono molti ma l’impresa si dà ancora come impossibile. E dopo poco difatti il vantaggio inizia a sfumare. Dietro attacca Pantani con Leblanc che per un po’ resta a ruota. Ma Poli aveva calcolato tutto, come detto.

Quindici minuti sono persi, sfumati nei soffi del Mistral che investe i corridori sui tornati; l’osservatorio astronomico in vetta è ancora lontano. Si inizia però a udire un sussurro, che quasi impercettibilmente forma due parole, poi nitide voci e infine grido dei tanti appassionati ai lati della pietraia:

Allez Polì! Le tante urla ad accompagnare il pencolare del gigante che ha sfidato gli Dei della Provenza.

Un minuto e quindici a chilometro. Poli ondeggia come una grande siringa al vento, ma ormai la cima è là. Gli eroi classici del ciclismo, gli scalatori, tentennano, solo il futuro Pirata insegue a una manciata di minuti, ma è ancora lontano. Per un giorno i grandi sembrano soccombere, in grado di vedere dal basso la furia del colosso, stanco eppure possente. Poli potrebbe piantarsi da un momento all’altro, è una marcia di piombo la sua che ormai ha conquistato tutti; macina la terra tramortita e battuta dal sole. Adesso la cima è là, la vede e nella nostra azzardata metafora classica ce lo ricordiamo sospinto dalle tante anime di vecchi corridori mescolate al maestrale, i dannati respinti dal Monte Calvo. Eros passa solo in cima, il primo italiano nella storia a conquistare la grande vetta.

Il titano veronese di Isola di Scala scollina e quasi non ci si crede. Pantani passa secondo a poco meno di cinque minuti, il gruppo con la maglia gialla a sei che in discesa riprende l’allora elefantino. E la discesa dell’uomo in fuga adesso, trenta chilometri fra picchiata e piano che in confronto alla roccia appena scalata appaiono barzellette. Il gigante ha in pugno lo scettro che lo consacra. Pedala, mitico molosso, sbuffa, capo chino, giunge all’arrivo a braccia alzate. Il direttore del Tour Jean Marie Leblanc è in visibilio, ringrazia il corridore italiano per quello che ha fatto. Centosettantuno chilometri di fuga che lo consegnano alla storia. Dopo tre minuti giunge il gruppo dei migliori.

Non era un ciclista qualunque Eros Poli, poiché non certo a tutti capita di fregiarsi di un oro olimpico. Eppure il suo nome rimanda sempre a un giorno storico impresso nella memoria delle imprese ciclistiche. Un lontano giorno d’estate di venticinque anni fa, in cui ogni ruolo reale e mitologico fu sovvertito dal potere della volontà: gli ultimi, i gregari che si fanno campioni; un gigante alla conquista del “nostro” Monte Olimpo, il grande e solitario massiccio ventoso che troneggia sulla Provenza. Potere della ciclomachia.

Foto in evidenza: https://pelotonmagazine.com